Master Psicologia Giuridica - SippOnline

Agenzia Formativa
Società Italiana di Psicologia e Pedagogia
Vai ai contenuti

Master Psicologia Giuridica

Corsi


MASTER IN PSICOLOGIA GIURIDICA

CONSULENZA TECNICA FAMIGLIA E MINORI

                                       

                                                          VISUALIZZA          STAMPA LA PAGINA          MODULO ISCRIZIONE


 
 
Presentazione
 
 
La psicologia giuridica è quella branca della psicologia che si occupa dei processi psicologici relativi ai diversi aspetti della dimensione giuridico-forense. E' una disciplina che nasce dall'interazione tra la psicologia e il diritto e si riferisce ad un'estesa varietà e complessità di compiti che la professionalità psicologica è chiamata a sostenere.
 
Una specifica dimensione di applicazione è quella dello psicologo chiamato a svolgere l'incarico di Consulente Tecnico di Ufficio e di Consulente Tecnico di Parte quando, in situazioni di separazione, divorzio e affidamento dei figli, i genitori si rivolgono all'Autorità Giudiziaria per raggiungere soluzioni in merito all'affidamento e al collocamento dei figli. Spesso il Giudice si avvale del Consulente Tecnico per poter ascoltare il minore e/o per svolgere una compiuta analisi del sistema familiare, valutare le competenze genitoriali delle Parti in causa e poter indicare le più opportune soluzioni in merito all'affido dei minori coinvolti nel processo.
 
Lo psicologo, che svolge l'incarico di Consulente Tecnico, deve possedere competenze tecniche specifiche per poter operare in un contesto assolutamente diverso rispetto a quello clinico.
 
Questo Master fornisce le conoscenze specifiche, le competenze e gli strumenti applicativi necessari per poter svolgere l'incarico di Consulente Tecnico, figura sempre più richiesta e più ambita, dato il vertiginoso aumento delle cause di separazione.
 
L'impianto metodologico di riferimento è l'approccio sistemico relazionale che si caratterizza per il fatto di focalizzare l'attenzione sulle dinamiche relazionali familiari, piuttosto che valutare le posizioni e gli atteggiamenti dei diversi soggetti implicati, secondo una prospettiva meramente individualista.
 
L'impostazione è pratico-formativa.
 

 
Obiettivi
 
 
Il Master è finalizzato all'acquisizione e/o al perfezionamento e consolidamento di adeguate competenze professionali, metodologiche e pratico-operative in ambito giuridico e forense, con particolare attenzione al ruolo e alle funzioni svolte dal Consulente Tecnico di Ufficio e dal Consulente Tecnico di Parte.
 
L’obiettivo principale è quello di far sì che nella pratica ciascun allievo possa essere in grado di avviare la propria attività di Consulente Tecnico per il Tribunale e/o per le Parti.
 
 
Contesto di riferimento
 
 
La formazione nell’ ambito della psicologia giuridica si riferisce a quanto definito dalle Legge di ordinamento della Professione di psicologo (L. 56/58), dal codice deontologico degli psicologi italiani e dalla delibera CNOP del 20/09/2003, da “Le Buone Prassi per lo Psicologo Consulente Tecnico di Ufficio e di Parte in ambito civile” dell'OPT e dalle “Linee Guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli a seguito di separazione dei genitori” del Protocollo di Milano.
 
Le figure professionali dei consulenti tecnici sono previste anche dal Codice di Procedura Civile: artt. 13/23 att. cod.proc.civ.; artt. 61/64 - 191/201 cod.proc.civ.
 
 
Destinatari
 
 
Psicologi, Psicoterapeuti, Psichiatri, Neuropsichiatri Infantili, Assistenti Sociali, Avvocati
 
 
Docenti
 
 
Dr. Dario Capone, psichiatra e psicoterapeuta, Direttore didattico IPR di Pisa
 
Dr. Domenico Pratelli, psicologo e psicoterapeuta, Didatta IPR di Pisa
 
Dr. Ilaria Genovesi, psicologa e psicoterapeuta, Didatta IPR di Pisa e Consulente Tecnico del Tribunale di Pisa
 
Dr. Francesca Lemmi, psicologa e psicoterapeuta, specialista in Coordinazione Genitoriale, Consulente Tecnico del Tribunale di Pisa e di Livorno
 
 
 
 
 
Metodologia
 
 
Il Master ha un'impostazione pratica e operativa, funzionale a dare strumenti concreti ed esecutivi per lo svolgimento dell'incarico di Ctu e Ctp, pur fornendo le conoscenze psicologiche e giuridiche necessarie per operare nel settore.
 
 
Articolazione delle attività
 
Il Master si articola in 17 incontri che hanno la durata di otto ore ciascuno (09,00-13,00; 14,00-18,00). Sono previste inoltre 20 ore di lavoro esperienziale, per una durata totale di 156 ore. La frequenza è obbligatoria per il 90% delle ore totali.
 
Ogni incontro si articola in una parte teorica e una parte pratica/esperienziale, in cui si discutono e si simulano casi proposti dal docente e/o dagli allievi.
 
Verranno forniti riferimenti bibliografici e materiale didattico.
 
L’inizio del Master è previsto per sabato 21 settembre 2019.
 
Il Master si conclude con un esame finale.
 
Coloro che hanno completato le ore di frequenza e superato l’esame finale riceveranno un Attestato di Formazione in psicologia giuridica ambito civile, richiesto per accedere all'Albo dei CTU (Cfr. “Requisiti minimi Albo CTU e Periti presso Tribunali G1/2017, OPT).
 
 
Programma
 
 
1.     La coppia oggi. La nascita, le problematiche e le risorse. Il conflitto di coppia.
 
La terapia di coppia: i vari modelli con particolare attenzione al modello  consenziente.  
 
2.     La crisi della coppia. Il conflitto insanabile.
 
         La coppia si separa. Il percorso della separazione.
 
3.     Gli aspetti legali della separazione. Principi e fondamenti del diritto di famiglia. Il criterio di accesso all'altro genitore e il diritto del minore alla bigenitorialità (avvocato).
 
4.     La Consulenza Tecnica nei procedimenti di separazione e divorzio: incarico del CTU, giuramento, setting giuridico, rapporti con il Giudice, con i Ccttpp e i Legali, Analisi del quesito.
 
5.     La consulenza tecnica di parte: il ruolo e le funzioni del consulente tecnico di parte, funzione valutativa e funzione “trasformativa”.
 
6.     Ruolo e funzioni dello psicologo in ambito giuridico-peritale. Metodologia e deontologia dell’intervento. Il focus sul minore: oggetto e soggetto del procedimento, valutazione della condizione del minore in riferimento al sistema familiare.
 
7.     Il sistema familiare nella Ctu: dalla disintegrazione del nucleo familiare, verso una riorganizzazione familiare “separata”, mettere in salvo il minore dalla conflittualità, dalla conflittualità (di coppia) al recupero della genitorialità, individuazione e recupero delle risorse da cui ripartire, il coinvolgimento delle famiglie di origine.
 
8.     L'ascolto del minore: Il consulente tecnico come ausiliario del Giudice nell'audizione diretta del minore; tecniche di osservazione e colloquio col minore, test per la valutazione del minore in riferimento al sistema familiare, il minore nel rapporto con gli ascendenti...
 
9.     Conflittualità e ADR (alternative dispute resolution): come dirimere il conflitto e portare in salvo la genitorialità e prevenire i danni sul minore, le ADR: la mediazione familiare, la coordinazione genitoriale, la pratica collaborativa.
 
10. I percorsi della mediazione. La gestione del conflitto. Ambiti e modelli della mediazione. L’integrazione tra mediatore e avvocato.
 
11. L’uso dei test nel percorso della consulenza. Valutazione delle competenze genitoriali: cosa si intende per “capacità genitoriali” e per “competenze genitoriali”, funzionamento di personalità e psicopatologie che possono inficiare sulle competenze genitoriali, metri e strumenti di valutazione, Linee Guida del Protocollo di Milano;
 
12. Alienazione genitoriale: criteri per definire l'alienazione genitoriale, rischi e pregiudizi per il minore, misure di intervento;
 
13. La Consulenza Tecnica in situazioni critiche: quando sono attivi i Servizi Sociali, con procedimento penale in corso, quando incontri protetti, in situazioni di rifiuto del minore di incontrare un genitore, con genitore psichiatrico…
 
 
 
14. La conclusione della Consulenza Tecnica: stesura della relazione tecnica finale, diritto al contraddittorio, Schema per la Consulenza Tecnica del CTU e Schema per le note critiche del CTP;
 
15. Conclusioni in risposta al quesito del Giudice: analisi dei casi e possibili soluzioni, situazioni di monitoraggio, il post-consulenza tecnica
 
16. Rapporti e confronto fra CTU e CCTTPP: i diversi ruoli, il diritto al contraddittorio, come operare e agire in assenza di Ccttpp, la presenza dei Legali Difensori agli incontri;
 
17. Esercitazioni pratiche su materiale giudiziario e verifica finale.
 
 
Costi
 
 
Il costo del Master è di € 2000,00 + IVA da corrispondere nelle seguenti modalità:
 
-         € 350,00 + IVA al momento dell’ iscrizione
 
-         11 rate mensili da € 150,00 + IVA oppure in 4 rate da € 600,00 cadauna.
 
 
Accreditamento ECM
 
 
Il Master rilascia 50 crediti ECM per psicologi, psicoterapeuti e neuropsichiatri infantili.
Società Italiana di Psicologia e Pedagogia - Via Sandro Pertini,16 - 56035 Perignano (Pi)
Tel. e fax 0587-616910 Email: segreteria@sipponline.org - Posta elettronica certificata: segreteriasipp@pcert.postecert.it
Torna ai contenuti